Noi, i perenni insoddisfatti


“La vera felicità dell'uomo sta nell'accontentarsi. Chi è insoddisfatto, per quanto possieda, diventa schiavo dei suoi desideri.”

- Gandhi


“Un uomo non è mai felice, ma trascorre tutta la sua vita a lottare per qualcosa che pensa lo renderà tale.."

- A. Shopenhauer


Vi siete mai chiesti perche' non siamo mai felici? Perche' ci manca sempre 1 per fare 2?

Vi siete mai chiesti una volta per quale maledetta ragione non riusciamo ad accontentarci e vogliamo sempre' di piu'?


Tutti vogliamo di piu'. Desideriamo piu' soldi, vite piu' affascinanti, la casa in montagna, poi quella al mare, poi la barca... poi se abbiamo la barca la vorremmo piu' grande, se abbiamo la casa in montagna la vorremmo anche al mare... Poi desideriamo andare in vacanza nel resort di lusso con il bungalow over water... poi vorremmo essere magri, sempre piu' magri, vorremmo avere il coraggio di fare cose che non abbiamo ancora fatto, vorremmo un uomo/donna diversa da quella/o che abbiamo.

Bastasse questo per trovare la felicita' a vita... Perche' quello che in realta' pensiamo di desiderare, diventa banale quando diventa reale. Tutto passa, e anche se credete di no, passano persino le novita' piu' entusiasmanti.

Del resto la citazione in apertura non sbaglia. Tutti pensiamo che ottenendo quello che non abbiamo potremo raggiungere la felicita'. E continuiamo a rincorrere, magari per anni, qualcosa che neanche sappiamo cosa sia esattamente.

Se faro', se avro', se comprero'... una vita costruita sui "se", una politica basata sull'illusione della soddisfazione al verificarsi di un determinato evento.


Questo approccio basato sulle "condizioni alla felicità" è la ragione per cui viviamo in un mondo in cui ci ritroviamo contornati da stress, infelicità e insoddisfazione. Avete mai considerato la possibilita' che state solo copiando gli altri o inseguendoli come pecore anche grazie all'aiuto dei social media che ci convincono tutti i giorni che solo diventando in un certo modo, somigliando a..., possedendo questo o quello, comprando x, y, z... raggiungeremo la felicita'?

I media hanno messo in testa a tante ragazzine che devono essere magre cosi' da diventare modelle ed accedere ad una 'super vita' con i vestiti dei designers regalati, oppure diventare piccole Ferragni, oppure partecipare al grande fratello per ottenere una vita economica spianata senza faticare poi tanto,.... etc, etc....

Ma come dice il caro Rick Warren:


"Chi segue la folla di solito si perde in essa."


D'altronde, tutti noi, siamo guidati nelle nostre scelte da quello che ci fa stare bene, escludendo quello che non ci piace o ci fa sentire male. Nessuno escluso. Funzioniamo cosi'. Un po' come facce della stessa moneta con l'obiettivo trainante di ottenere piacere ed evitare il dolore.

Sia chiaro che, non c'è niente di sbagliato nel volere una vita migliore, nell'avere sogni e obiettivi da realizzare e raggiungere, ma forse, ogni tanto, dovremmo fermarci e domandarci...


"Sono veramente certo che tutto quello che desidero e' farina del mio sacco? sono certo che tutti questi sogni, obiettivi e desideri provengono dal mio cuore e dalla mia mente e non invece dal condizionamento di tutto quello che vivo, pubblicita' e stereotipi compresi ?"


In poche parole: sono io che sto scegliendo come essere felice o qualcun altro sta scegliendo per me senza che io ne abbia profonda consapevolezza?


Una domanda da un milione di dollari...

Allora cosa si puo' fare per sciogliere questo dilemma? Immaginate se ognuno si fermasse a ragionare sul concetto di felicita'. Siamo persone diverse, pertanto seguendo la logica, tutti potremmo potenzialmente avere il nostro personale significato di felicita'. Ognuno differente. Ed ognuno dovrebbe provare ad andare esattamente in quella direzione, quella ha dentro di sé. Lasciando stare la strada che altri vorrebbero farci fare o convincerci ad intraprendere.


E' bene capire che il concetto di felicita' e' un nostro valore, mentre quello che vogliamo ottenere sono i nostri obiettivi. Ogni obiettivo è ispirato da un valore, ma obiettivi e valori non sono la stessa cosa, e dovremmo ficcarcelo in testa. Tanto per fare un esempio, un obiettivo è rappresentato dalla casa piu' grande da comprare o dal lavoro migliore da trovare. In pratica qualcosa che una volta che lo hai raggiunto, puoi spuntarlo da una lista. Un valore, invece,  è come andare verso ovest: per quanto viaggi, ci sarà sempre un ovest più lontano verso cui andare. E mentre i valori sono qui ed ora; gli obiettivi sono nel futuro. Anche se non raggiungi un obiettivo che ti sei prefissato, il tuo valore rimane invariato.

Connetterti con i tuoi valori ed agire in base ad essi da un senso di appagamento, perché vivere secondo i propri valori regala soddisfazione nel presente. Infatti: vivendo concentrandosi sui valori, gli obiettivi continuano ad esistere, ma l’enfasi è spostata sul vivere i valori in ogni momento. Anche se abbiamo trascurato un valore come la felicita' per noi importante, e lo stiamo ignorando da molto tempo, in ogni momento possiamo cominciare ad agire nella sua direzione. Anche adesso! Invece, un obiettivo riguarda sempre il futuro e nel momento in cui lo avremo raggiunto non sarà più un obiettivo.


Tornando ai condizionamenti esterni che plasmano la nostra idea di felicita' basata esclusivamente sul raggiungimento dei nostri desideri, dovremmo convincerci da soli che stiamo inseguendo una illusione di realizzazione basata su falsi miti come (ad esempio ) quello della perfezione a tutti i costi. Della ricchezza a tutti i costi. Della popolarita' a tutti i costi. Quella del massimo beneficio col minimo sforzo.

E' una gara persa in partenza questa qui. Perche', molto semplicemente, la perfezione al di fuori della natura non credo esista. E certamente non esiste nell'uomo. A volte siamo noi stessi a pretenderci perfetti, a non essere mai belli abbastanza, a vivere di paragoni, a volere da noi stessi ben oltre quello che sarebbe necessario, a crocifiggerci per nulla, ad assegnarci delle etichette che gli altri non ci assegnerebbero mai.

La realta' e' che siamo noi gli artefici della nostra felicita'... che potrebbe essere una cosa anche molto semplice, ma ci piace renderla complicata e inarrivabile... La felicita' la scegliamo ogni mattina quando ci svegliamo e se vogliamo essere felici, abbiamo tutti, mille ed una ragioni per esserlo sin da ora... si adesso, hai capito bene, proprio adesso e nonostante tutto.

Perche', i responsabili di quello che vogliamo essere siamo solo noi mentre viviamo il viaggio della vita. Giorno dopo giorno. Anche in mezzo a mille problemi. Non a caso mi piace ripetere sempre "Ognuno dipinge il quadro della propria vita con i colori delle proprie scelte" perche' appunto sta a te e solo a te dipingere la tua vita con i colori che ti piacciono e farne un capolavoro. Il tuo capolavoro.

Vivi la tua di vita e non quella degli altri, lascia andare il confronto continuo e fai del tuo meglio nel tuo presente per costruire il domani che veramente desideri.

Ricordati che per essere veramente soddisfatti, realizzati e felici nella vita devi conoscerti profondamente, arrivare ad un alto livello di consapevolezza per poter arrivare a conoscere la vera differenza tra ciò che è bene per te e ciò che è meglio per te.


"I valori hanno a che fare con il «tipo di persona che vogliamo essere», «per cosa vogliamo essere ricordati». Indicano una direzione da seguire, ciò che da senso, significato, spessore, alla nostra presenza e alla nostra esistenza. I valori, sono ciò che ci fa sentire vivi."




Se vuoi sperimentare il potere del life coaching, questo è il momento giusto per farlo!

Scopriamo insieme come smettere di essere degli eterni insoddisfatti ed iniziare a vivere e a goderci la vita che abbiamo!

Ti aspetto, contattami!




53 visualizzazioni

©2019  di Marianna LifeCoach   |   mbova.lifecoach@gmail.com   |   Miami - Roma

  • Marianna Life Coach
  • Riparti da te